fbpx

Cibi davvero integrali? Scegli in modo consapevole

Il consumo di alimenti integrali è oramai di uso molto comune. Ma davvero
tutto quello che è etichettato come integrale, lo è davvero? Assolutamente no! Basta saper leggere gli ingredienti.

La dicitura integrale non sempre è veritiera.

Molti alimenti a base di farinacei sono composti da farine raffinate addizionate a crusca. Questo già consente di poter scrivere in etichetta “crackers integrali” o “biscotti integrali” o “pane integrale” e molto altro.

Dunque come scelgo il prodotto davvero giusto?

Innanzitutto è importante che negli ingredienti sia riportata la dicitura “farina integrale di frumento” o qualsiasi altro cereale; in caso di prodotti “finti integrali” vi sarà l’indicazione “farina di frumento, crusca… altri ingredienti” oppure troverete scritto nel retro della confezione la dicitura “con crusca”.

Caso 1: Finto integrale

Caso 1: Finto integrale

Caso 2: Realmente Integrale

Caso 2: Realmente integrale

Tralasciando gli altri ingredienti presenti, tra i due senza dubbio quello che contiene una farina realmente integrale è il secondo dove è specificato “farina integrale di…”.

Quali sono i rischi di consumare un’integrale sbagliato?

Il primo è legato all’assunzione di farine raffinate che rappresentano uno dei più potenti veleni in quanto la principale causa delle patologie metaboliche ed hanno anche effetto pro- infiammatorio.

In secondo luogo, la presenza di crusca non fa altro che irritare le membrane del colon. Il risultato è che non ne traiamo alcun beneficio, anzi tutt’altro!


design with by cfweb